Skip to main content
News

Male Eye, Female Heart

By 14/07/2023Agosto 3rd, 2023No Comments

Male Eye, Female Heart

Polish School of Animation

Organizzatore:
Fondazione per la Promozione della Cultura Artistica, Cinematografica e Audiovisiva Etiuda&Anima
(Festival Internazionale del Cinema Etiuda&Anima)
Indirizzo: ul. Morawskiego 5/220C, 30-102 Kraków, Polonia
www.etiudaandanima.plwww.fundacja.etiudaandanima.pl

Curatore: Katarzyna Surmacz

Questo progetto è cofinanziato dal Ministro della Cultura e del Patrimonio Nazionale della Repubblica di Polonia dal Fondo per la Promozione della Cultura e dal Polish Film Institute.

PROGRAMMA
25.08.2023 | August 25, 2023
h.23.00 – Giardino dei Limoni di San Benedetto

Tango, real./dir. Zbigniew Rybczyński (1980, 8’)
Ichthys, real./dir. Marek Skrobecki (2005, 15’)
Ex Animo, real./dir. Wojciech Wojtkowski 2013, 6’50’’)
Hipopotamy / Hippos, real./dir. Piotr Dumała (2014, 12’30’’)
Ab Ovo, real./dir. Anita Kwiatkowska Naqvi (2013, 5’18”)
III,  real./dir. Marta Pajek (2018, 12’)
3 geNARRACJE /3 geNARRATIONS, real./dir. Paulina Ziółkowska (2021, 9′)

Tango
dir. Zbigniew Rybczyński, musica: Janusz Hajdun, prod. Studio Małych Form Filmowych Se-Ma-For, Polonia 1980, 8’
Le persone entrano a turno nella piccola stanza. In primo luogo, uno per uno, poi le sequenze di movimenti ritmici iniziano a ripetersi e sovrapporsi, ma i personaggi non interferiscono tra loro. È un’accurata compressione del tempo all’interno di uno spazio limitato. Tango ha vinto il primo Oscar nella storia del cinema polacco.

Zbigniew Rybczyński, nato nel 1949 – si è diplomato alla scuola di cinema di Łódź. È direttore della fotografia, sceneggiatore e regista di film d’animazione e sperimentali. Ha lasciato la Polonia dopo aver ricevuto l’Oscar per Tango. Andò negli Stati Uniti dove fu acclamato come il “papa della videoarte”.

Ichthys
dir. Marek Skrobecki, sceneggiatura: Antoni Bańkowski, fot. Mikołaj Jaroszewicz, musica: Wojciech Lemański, prod. Se-Ma-For, Wytwórnia Filmów Dokumentalnych i Fabularnych, Polonia 2005, 15’
Si tratta di un’animazione di marionette collegata a un’ulteriore tecnica computerizzata 3D. Ichthys è una parabola metaforica sui sogni, le aspettative e la grinta dell’uomo. Un giovane viene al ristorante nell’edificio sacro. Un cameriere dalla faccia da cherubino prende un’ordinazione e se ne va. Il cliente sta aspettando pazientemente. Il tempo sta passando. Quando il cameriere si presenta di nuovo, l’uomo non può più godersi un pasto.

Marek Skrobecki, nato nel 1951 – si è diplomato all’Accademia di Belle Arti e alla scuola di cinema di Łódź. È sceneggiatore e regista di film d’animazione, tra cui principalmente l’animazione di marionette. È il vincitore di molti festival internazionali. Collabora con molti altri artisti come ad esempio con Suzie Templeton nel film premio Oscar Peter and the Wolf.

Hipopotamy / Hippos
dir. e sceneggiatura: Piotr Dumała, fot. Mateusz Michalak, musica: Alexander Balanescu, prod. Fumi Studio, Polonia 2014, 12’
Un film basato sull’osservazione del comportamento degli ippopotami. Un gruppo di donne e bambini che nuotano nel fiume viene avvicinato da alcuni uomini. Il maschio più determinato si avvicina a una delle donne. Quando lei lo rifiuta, c’è un’improvvisa esplosione di aggressività di gruppo.

Piotr Dumała, nato nel 1956 – si è laureato all’Accademia di Belle Arti di Varsavia. È sceneggiatore, regista di film d’animazione e lungometraggi, scrittore, attore, grafico e pedagogo. È l’artista più importante della terza generazione della Scuola di animazione polacca. Dumała è interessato al surrealismo e alla prosa di Fyodor Dostoyevsky o Franz Kafka e cerca di riflettere l’atmosfera dei loro romanzi nei suoi film

Ab Ovo
dir. e sceneggiatura: Anita Kwiatkowska-Naqvi, musica Goerge Antoniv, prod. PWSFTviT , Polonia 2012, 5’18
Un film che nasce dall’esperienza unica della femminilità. Il potere della fertilità diventa la fonte di un’esperienza sia dolorosa che bella. Una percezione visivamente convincente delle trasformazioni sorprendenti e incontrollabili del corpo di una donna.

Anita Kwiatkowska-Naqvi, nata nel 1986 a Cracovia, laureata in animazione e dottoranda alla Lodz Film School, Polonia. Nei suoi cortometraggi adotta un nuovo approccio alle tecniche di animazione tradizionali, utilizzando materiali insoliti per creare mondi ipnotici e poetici. I suoi film hanno ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo, incluso il premio per il miglior film di diploma ad Annecy per “Ab ovo”. Co-fondatore di LeLe Production.

III
dir. e sceneggiatura: Marta Pajek, musica: Aleksandra Gryka, prod. Animoon, Polonia 2018, 12’
Un incontro improvviso tra un uomo e una donna dà inizio a un atto ipnotico, un gioco di piacere e disagio.

Marta Pajek, classe 1982. Regista, grafica e pittrice. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Cracovia, ha studiato all’Animated Film Studio diretto da Jerzy Kucia. Ha anche partecipato a un tirocinio sotto la guida di Priit Pärn presso la Turku Arts Academy in Finlandia. Ha diretto cortometraggi di animazione, come After Apples (2004) e Behind the Wall (2005), e un premiato film Sleepincord (2011). L’ultima parte del suo trittico Impossible Figures and Other Stories III è stata qualificata per il concorso di cortometraggi al festival di Cannes 2018

3 genARRACJE /3 geNARRAZIONI
dir. Paulina Ziółkowska, musica: Naybi Suyua Esparza Luna, prod.: Fumi Studio, Polonia 2021, 9′
È nato un bambino. Una figlia diventa madre. La madre diventa nonna. La nonna… vuole solo morire. Un cambio generazionale. I membri della famiglia devono provare a mettersi nei panni di qualcun altro, assumere nuovi ruoli. Ma è davvero così? È solo un passo da compiere o un invito a uno strano ballo di generazioni? Un passo avanti, due indietro per non trasformarti in tua madre.

Paulina Ziółkowska – nata nel 1988 – regista polacca, animatrice 2D e illustratrice. Ha studiato animazione alla Lodz Film School in Polonia e alla Filmuniversity Babelsberg. Il suo film d’esordio “Oh Mother!” (2017) è stato proiettato in molti festival in tutto il mondo, vincendo numerosi premi. Il suo prossimo film “Bless you!” (2018) tra gli altri ha vinto una menzione speciale alla 68a Berlinale e una menzione speciale all’AnimaFest di Zagabria. I suoi film sono stati proiettati in festival come: Clermont-Ferrand, Annecy, IFF Etiuda&Anima, Krakowski Festiwal Filmowy, Melbourne IFF, Ottawa IAF, Stuttgart.

Il progetto Polish School of Animation è stato avviato in occasione della Presidenza polacca 2011 e da allora lo abbiamo presentato durante festival di animazione e cortometraggi in 36 paesi, tra cui: Germania, Cina, Giappone, Bulgaria, Portogallo, Estonia, Brasile, Messico , Finlandia, Bosnia ed Erzegovina, Stati Uniti, Corea, Svezia e Ucraina. Il progetto mira a diffondere l’animazione polacca in tutto il mondo, illustrando le varie tendenze, sviluppi e cambiamenti che hanno avuto luogo in questo campo negli ultimi 70 anni. Nonostante la Scuola Polacca di Animazione sia nata solo dopo il 1945, accanto ai film della Scuola Polacca, del Teatro Grotowski e della Scuola Polacca di Manifesti, il cinema d’animazione è stato per decenni una delle più importanti vetrine della cultura polacca all’estero.
Il programma preparato dalla Fondazione ricorda i risultati più preziosi della nostra scuola nazionale, mostra film di poeti e satirici dell’immagine, maestri burattinai e virtuosi ritagliati, pittori, fumettisti: Walerian Borowczyk, Zbigniew Rybczyński, Jan Lenica, Mirosław Kijowicz, Daniel Szczechura, Ryszard Czekała, Julian Antonisz o Jerzy Kucia. Inoltre, presenta i risultati più interessanti della generazione che è venuta alla ribalta negli anni successivi, continuando, spesso polemicamente, il lavoro dei maestri polacchi, compresi i film di Mariusz Wilczyński, Marek Skrobecki, Tomasz Siwiński, Tomek Ducki, Wojciech Sobczyk.
Lo scopo del progetto è anche quello di attirare l’attenzione sui nostri giovani artisti, per mostrare l’enorme differenza che attualmente prevale nell’industria dell’animazione rispetto al secolo scorso, dove dominavano gli uomini. Sottolinea l’enorme ruolo delle donne nel mondo dell’animazione e la colossale differenza nell’argomento e nelle proporzioni di genere dai tempi della Repubblica popolare di Polonia. Attualmente, sono principalmente artiste donne, tra cui: Wiola Sowa, Anita Kwiatkowska Naqvi, Marta Pajek, Karolina Specht, Weronika Szyma, Paulina Ziółkowska, che creano la sensibilità del destinatario al mondo. Nei loro film ci sono argomenti completamente diversi fortemente legati alla vita delle donne, al corpo femminile, nonché ai cambiamenti fisiologici e fisici che si verificano in esso durante la vita (ad esempio pubertà, esperienze sessuali, gravidanza, invecchiamento). L’ondata contemporanea di film realizzati da donne, dopo anni di predominio maschile nel settore, ha portato una piacevole ventata di aria fresca all’animazione polacca.